Una nuova idea di comunità - Alghero-Bosa

Versione stampabileVersione stampabile

Raccontare oggi una storia che parla di una comunità che si ritrova per vivere e conoscere il proprio patrimonio ambientale sembrerebbe un paradosso ma questi giorni ci possono insegnare tanto sugli equilibri che l’uomo deve rispettare se vuole generare futuro: bisogna sentirsi abitanti della casa comune dove ognuno deve poter trovare il proprio spazio di crescita. 

Questa esperienza nasce un anno fa ad Alghero, nella parrocchia del Santissimo Nome di Gesù, Teresa e Gigi, sono stati tra i primi ideatori di “SardegnAmbiente” un gruppo per aiutare gli altri ad acquisire più consapevolezza riguardo al mondo che ci circonda. 

Mi spiegano che l’idea è nata dalla lettura della Enciclica Laudato Sii di Papa Francesco e dalla loro passione per l’ambiente e si è concretizzata grazie all’incontro con Antonio Farris, docente universitario, appassionato conoscitore del territorio sardo, anche lui da sempre impegnato in parrocchia. Nel fondare questo gruppo hanno riflettuto sull’aspetto che <<Viviamo in Sardegna, un tesoro naturalistico ricco di biodiversità che i sardi spesso non conoscono, e allora perché non condividere questa sensibilità ambientale con la comunità parrocchiale?>> 

Dopo diversi anni in cui avevano prestato servizio educativo con giovani e ragazzi, sentivano la necessità di iniziare una nuova esperienza, immaginando un’attività che si potesse diversificare da quelle tradizionalmente proposte e che potesse far vivere l’idea di una comunità “in uscita”. 
Gigi e Teresa raccontano che << la proposta di un gruppo che avesse a cuore la conoscenza consapevole del territorio, ha trovato in parrocchia il consenso di alcuni adulti e giovani, sensibili ai temi ambientali, con Antonio e, da quest’anno, anche con Massimo Canu, (agronomo  con un passato da educatore Acr) abbiamo organizzato degli incontri di approfondimento sulle bellezze naturalistiche della Sardegna a cui hanno fatto seguito delle escursioni per conoscere e toccare con mano (rispettandole!) le meraviglie del creato. Pian piano siamo riusciti a coinvolgere famiglie, giovani e anche adultissimi! Il nostro parroco don Giuseppe Curcu, appassionato camminatore, ci ha sostenuto nel progetto e ha proposto di allargare gli incontri ambientali ai gruppi dei ragazzi dell’Acr.>>
Quindi un gruppo che si prepara e che trasmette agli altri il "gusto dell'aria libera" e la conoscenza dei luoghi che ci circondano. 
Un territorio che diventa luogo di incontro, riflessione e preghiera. 

Una nuova idea di comunità!

 

Elisa D'Arrigo

Diocesi di Alghero-Bosa