Beato il politico che sa ascoltare

Versione stampabileVersione stampabile

L'ascolto della volontà del popolo, che col proprio voto esprime una richiesta che attende una risposta, è origine stessa della politica. 
Ecco perché chi viene scelto deve farsi ascoltatore delle esigenze e dei desideri dei cittadini. Come posso operare per la collettività se non sono in grado di aprirmi alla realtà che mi circonda, se non tendo le mie orecchie, materiali e spirituali, al vissuto altrui? Il potere, senza questo ascolto, diviene capace di qualsiasi cosa e il politico che non sa ascoltare diventa vittima della propria autoreferenzialità.
Colui che si mette al servizio della collettività, inoltre, deve essere capace di incontrare autenticamente il prossimo, comprenderlo e capirne le esigenze.
Se non ascolto, infatti, il mio agire sarà sterile e vuoto perché privo dell'altro e pieno solo di me stesso. 
“Vieni qui un attimo, devo dirti una cosa”; “Possiamo sentirci al telefono che ti devo parlare?”. Per un amministratore locale queste frasi sono all’ordine del giorno. Le persone chiedono ascolto per le loro esigenze e necessità. Questo trasmette il senso di una profonda responsabilità perché ricorda che siamo custodi della cosa pubblica, non per noi stessi ma per tutti.
Ma questi aspetti sono solo una parte, anche se importante, dell'agire del politico: non basta saper ascoltare gli altri per fare il bene, perché le richieste sono le più varie e, d'altra parte, maggioranza e verità non sempre coincidono.
Ci vuole allora un ascolto più alto e più profondo, che si traduca in un'apertura alla vita, in un'autentica ricerca di ciò che è bene, di ciò che è vero e di ciò che è giusto. In altre parole, una ricerca del bene comune. 
In questo campo a parlare è un'altra Voce. La si può ascoltare attraverso la contemplazione del creato, la vicinanza agli ultimi e ai poveri, il silenzio della riflessione personale. 
Solo se capace anche di questo ascolto il politico potrà essere al servizio, non solo della maggioranza, ma della verità. 

 

Carlo Baggio

assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Cordignano (TV)