Sintesi della riunione della commissione Giovani-Adulti del 9-10 febbraio 2013

Versione stampabileVersione stampabile

SINTESI DEL LAVORO DELLA COMMISSIONE ADULTI-GIOVANI (LPA 9-10 FEBBRAIO 2013)

La commissione adulti giovani ha lavorato su due aspetti in particolare:

 

  1. In collaborazione con la commissione che prepara il testo giovani ha elaborato le attività dedicate ai giovani-adulti per ogni singolo modulo (interiorità, fraternità, responsabilità, ecclesialità). Il lavoro è stato utile e proficuo e si auspica una futura sinergia anche con il testo adulti per quelle attività presenti sul testo e dedicate ai gruppi più giovani, data l’impostazione comune dei testi nazionali.

 

  1. Sono stati rielaborati  i dati emersi dai questionari somministrati alle diocesi sulla realtà dei giovani-adulti. I dati emersi dai questionari (attualmente compilati dal 54% delle diocesi nelle quali è presente l’AC) mostrano un grande interesse e un’attenzione particolare a questa fascia d’età, soprattutto da parte del settore adulti, ma anche una mancanza di proposte precise, regole poco comuni e grande flessibilità. La presenza di molti gruppi interparrocchiali o diocesani dimostra l’esigenza di mettere insieme le energie  e le risorse, e la difficoltà di avere i numeri per i gruppi parrocchiali.

 

Sono emersi alcuni nodi sui quali la commissione vorrebbe lavorare in futuro e, in particolare:

    • la necessità di agire sul senso di appartenenza e su altre modalità per sentirsi dentro l’associazione, data la difficoltà di incontrarsi con costanza e regolarità in questa fascia d’età
    • la qualificazione della proposta che deve mirare maggiormente al discernimento e alla sintesi tra fede e vita e saper rispondere alle esigenze di una condizione di vita in cambiamento
    • la formazione degli animatori e degli educatori ai quali è affidata questa fascia d’età
    • l’elaborazione di percorsi di nuova evangelizzazione e la riflessione su modalità formative che non siano strettamente collegate al gruppo
    • la valorizzazione della ricchezza associativa attraverso il recupero di quanto è già stato elaborato su questa fascia d’età e la fissazione di alcuni temi chiave dai quali partire per elaborare una proposta formativa
    • la necessità di una maggiore integrazione e condivisione tra il settore adulti e il settore giovani.